News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
16/04/2024 00.00 - Quotidiano Energia
Attivazioni/disattivazioni elettriche, la gestione passa al SII

Percorso per step: si parte dal 1° febbraio, poi dal 1° luglio il servizio di check-Pod e dal 15 settembre la variazione di potenza anche non contestuale all’attivazione

Semplificare i processi di attivazione/disattivazione delle forniture elettriche (nonché delle variazioni di potenza) affidandoli alla gestione centralizzata del Sistema informativo integrato.

Questo l’obiettivo della delibera Arera 135/2024, che fa seguito al dco 290/2022.

A differenza di processi quali la voltura contrattuale o il cambio fornitore, già implementati nell’ambito del SII, l’esecuzione di prestazioni quali la nuova attivazione di un punto di prelievo (o la riattivazione), la disattivazione, la sospensione della fornitura per morosità e la successiva riattivazione non può prescindere da un’attività
tecnica svolta dall’impresa distributrice.

Tuttavia, sottolinea l’Autorità, la gestione delle richieste di prestazione anche tecniche e dei relativi esiti di esecuzione può trovare un’ottimizzazione, in termini di efficienza, uniformità e trasparenza, nel passaggio ad un sistema di scambi informativi centralizzato nell’ambito del SII.

Sul fronte morosità l’Arera ha già definito le regole con la delibera 638/2022, anche per il loro impatto sui tempi di gestione del processo di switching. Ora il Regolatore completa la disciplina, definendo comunque un percorso per step, così come chiesto dagli operatori.

In particolare, dal 1° febbraio 2025 si partirà con la centralizzazione al SII per l’attivazione e disattivazione della fornitura, definendo modalità di gestione che consentano di cogliere a pieno i benefici della centralizzazione, attraverso la generalizzazione di buone pratiche di gestione e la standardizzazione dei flussi informativi, e tenendo conto del fatto che per talune fattispecie gli interventi prospettati mal si adattano ad una gestione puntuale e diversificata.

Si stabilisce, infatti, di centralizzare la richiesta di attivazione della fornitura esclusivamente con riferimento alle prestazioni individuate nella Tabella 5 del Tiqc, lasciando all’interlocuzione bilaterale tra utente del trasporto e impresa distributrice la gestione delle attivazioni per le ulteriori fattispecie di attivazioni.

Si stabilisce inoltre di ricomprendere nella centralizzazione le richieste di variazione di potenza della fornitura anche non contestuali all’attivazione, ma solo a decorrere dal 15 settembre 2025.

Dal 1° luglio sarà invece attivato un servizio denominato check-Pod, che utilizzando le informazioni nella disponibilità del SII, darà evidenza all’utente del trasporto dello stato di energizzazione del Pod nonché delle caratteristiche tecniche, minimizzando gli errori in fase di richiesta.

Il servizio di tracking messo a punto nell’ambito del SII con riferimento alle richieste di sospensione della fornitura per morosità e successiva riattivazione dovrà essere esteso alla gestione delle prestazioni tecniche previste dalla delibera 135. L’obiettivo è informare l’utente in merito alle fasi intermedie di lavorazione, che precedono l’esito della prestazione.

Entro 90 giorni il Gestore del SII dovrà pubblicare le specifiche tecniche funzionali alla gestione delle richieste di disattivazione, nonché l’aggiornamento delle specifiche tecniche funzionali alla messa a disposizione dei dati di misura rilevati in occasione delle prestazioni di attivazione e disattivazione della fornitura.

Entro settembre 2024 il Gestore dovrà invece pubblicare le specifiche tecniche funzionali alla gestione nell’ambito del SII delle richieste di attivazione della fornitura di cui alla Tabella 5 del Tiqc nonché del servizio di check-Pod.