News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
17/04/2024 00.00 - Quotidiano Energia
Bonus idrico, “gestori devono prendere in carico tutte le pratiche”

La precisazione Arera: “L’obbligo riguarda anche i flussi dati di competenza di anni pregressi e utenti recentemente acquisiti”

Tenendo conto “dei ritardi connessi agli adempimenti necessari per l’avvio dell’automatismo”, il Gestore Idrico territorialmente competente “è tenuto a prendere in carico tutte le pratiche di bonus inviate dal Gestore del SII”, anche se “relative a flussi dati di competenza di anni pregressi e utenti recentemente acquisiti”.
Lo ha precisato l’Arera, ricordando che il 1° marzo 2024 sono state pubblicate da Acquirente Unico le linee guida sulla “Procedura di pubblicazione file bonus sociale. Bonus sociale idrico – procedura di recupero semplificata”.

In base alle disposizioni contenute nell’Allegato C alla delibera 63/2021/R/com (articoli 4 e 5), sottolinea l’Autorità, il Gestore del SII trasmette ad ogni Gestore Idrico territorialmente competente i dati e le informazioni relative ai nuclei familiari Isee potenzialmente agevolabili ricevuti dall’Inps il mese precedente. Il principio della competenza territoriale del gestore, tenuto ai sensi della regolazione vigente ad erogare la compensazione, “è stato altresì confermato con riferimento alle annualità 2021 e 2022 dalla disciplina semplificata adottata con le deliberazioni 106/2022/R/com e 651/2022/R/com”.

Oltre a prendere in carico tutte le pratiche, il Gestore Idrico “è altresì tenuto a restituire i relativi esiti al SII per tutti i nuclei familiari agevolabili ed erogare la compensazione in base alla tariffa agevolata di acquedotto e alle tariffe di fognatura e depurazione, rinvenibili nelle articolazioni tariffarie applicate dal Gestore medesimo  (o qualora disponibili, nei casi di cessione di rete, nelle articolazioni tariffarie applicate dal precedente Gestore per il relativo territorio) per le pertinenti annualità (2021, 2022 e 2023), sulla base di quanto previsto dal Ticsi (Allegato A alla deliberazione 665/2017/R/idr)”.