News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
16/04/2024 00.00 - Mondo Utilities
Ambiente e inclusione sociale: nella casa circondariale di Sollicciano nascerà, grazie a Estra, un ortofrutteto solidale

 

Il progetto, realizzato nella struttura penitenziaria, prevede il coinvolgimento dei detenuti nella messa a dimora di 120 alberi da frutto e nelle successive attività di cura del frutteto, al fine di fornire loro competenze utili per il reinserimento nella società.

Firenze, 15.04.2024 – Oggi è stato inaugurato l'OrtoFrutteto Solidale realizzato presso la Casa Circondariale “N.C.P. Sollicciano”- Firenze - grazie al sostegno diEstra, come misura di responsabilità sociale di impresa, e che fa parte della campagna OrtoFrutteto Solidale Diffuso, promossa da AzzeroCO2 e Legambiente.

L'iniziativa rientra tra le attività trattamentali promosse dall’istituto penitenziario volte a far acquisire ai detenuti competenze utili ai fini del reinserimento nella società e a migliorare la qualità della loro vita all’interno del carcere.

All’inaugurazione dell’OrtoFrutteto Solidale sono intervenuti Antonella Tuoni, Direttore C.C. Sollicciano, Eros Cruccolini, Garante dei detenuti di Firenze, Andrea Giorgio, Assessore all’Ambiente e transizione ecologica del Comune di Firenze, Gaetano Caravella, Capo segreteria Assessore ambiente e transizione ecologica Comune di Firenze, Mirko Dormentoni, Presidente Quartiere 4 di Firenze, Giuseppe Rubechi, Responsabile sostenibilità di Estra, Fausto Ferruzza, Presidente Legambiente Toscana e Sarah Nucera, Responsabile Divisione Marketing e Comunicazione di AzzeroCO2.

Il progetto, oltre a produrre effetti positivi da un punto di vista ambientale, avrà importanti ricadute socio-educative. I detenuti impiegati nel giardinaggio sono stati infatti coinvolti nelle attività di messa a dimora di120 piante da frutto sotto la guida del responsabile del verde del carcere. A loro è stata inoltre affidata la cura e manutenzione degli alberi, al fine di acquisire competenze che potranno impiegare in futuro, ma anche per sensibilizzarli sulle tematiche ambientali incentivando una maggiore attenzione alla sostenibilità. L'esperienza maturata con la cura del frutteto sarà quindi utile per supportare il reinserimento nella società dei detenuti al termine del percorso presso la struttura.

“Ho aderito con particolare entusiasmo all’iniziativa proposta da AzzeroCO2 ed Estra – ha dichiarato Antonella Tuoni, Direttore C.C. Sollicciano -. Nel prevalente sentire comune il carcere è e deve essere un luogo di punizione. Credo viceversa che il carcere debba essere concepito come un luogo di vita di persone che devono scontare una limitazione della libertà personale e di operatori (poliziotti, funzionari giuridico pedagogici, personale amministrativo, operatori sanitari…) che trascorrono in quel luogo almeno otto ore della loro giornata. È giusto pertanto che il carcere sia accogliente, a dispetto dell’immaginario collettivo che lo vorrebbe tetro e lugubre e che il cemento e le sbarre regrediscano progressivamente a vantaggio di un’immagine più ‘green’.Inoltre la valorizzazione del verde e della natura è determinante nel riposizionamento dell’uomo rispetto alle politiche di uno sviluppo armonioso del pianeta e prendersi cura delle piante, oltre ad un benefico effetto sull’equilibrio individuale delle persone detenute può anche essere fonte di responsabilizzazione rispetto al tema dell’inquinamento ed un utile passepartout nel mondo del lavoro. “

Nel frutteto sono state messe a dimora varie specie di piante da frutto, tra cui l’albicocco, il pero, il nocciolo, il melo e il pesco. I frutti raccolti potranno essere consumati direttamente all’interno della struttura e tra le progettualità dell’Istituto potrebbe rientrare anche la realizzazione di marmellate da frutta da parte degli studenti che frequentano l’istituto di scuola superiore alberghiero all’interno della Casa Circondariale.

Siamo orgogliosi di contribuire a questo progetto che coniuga l'attenzione all'ambiente con l'inclusione sociale.  – ha commentato Giuseppe Rubechi, Responsabile sostenibilità di Estra- Essere un'azienda del territorio significa anche, necessariamente, sostenere chi è in difficoltà o vive in situazioni di marginalità e disagio. Da sempre siamo impegnati, non solo a far crescere la nostra azienda, ma anche ad offrire servizi e realizzare progetti di responsabilità sociale che migliorano la vita della comunità, offrendo opportunità di sport, di cultura, di risparmio e di inclusione".

L’intervento realizzato nella Casa Circondariale di Sollicciano rientra nella Campagna Ortofrutteto Solidale Diffuso promossa da AzzeroCO2 e Legambiente,un progetto di integrazione sociale e ambientale in grado di tutelare la biodiversità, attraverso la creazione di frutteti solidali, eunire competenze e valori per generare un progresso umano, ambientale, economico e civico.

"L'ortofrutteto solidale di Sollicciano rappresenta un modello virtuoso di come integrare inclusione sociale e rispetto per l'ambiente- ha dichiarato Sarah Nucera, Responsabile Divisione Marketing e Comunicazione di AzzeroCO2. - Crediamo fortemente nel valore rieducativo del lavoro e nell'importanza di offrire nuove prospettive ai detenuti. Grazie alla collaborazione con Estra abbiamo potuto realizzare un progetto in grado di coniugare dimensione sociale ed ecologica creando valore condiviso. Esperienze come questa dimostrano come, attraverso approcci innovativi di economia civile, sia possibile perseguire obiettivi di riabilitazione e reinserimento a beneficio delle persone e dell’ambiente in cui vivono”.

 

Il Gruppo Estra, tra gli operatori leader nel Centro Italia nel settore della distribuzione e vendita di gas naturale, attivo altresì nella vendita di energia elettrica, nasce nel 2010. Ad oggi i 4 soci di Estra (Alia, Coingas, Intesa e Viva Energia), rappresentano gran parte dei Comuni delle province di Ancona, Arezzo, Firenze, Grosseto, Macerata, Pistoia, Prato e Siena. Il Gruppo Estra opera, attraverso società controllate, in joint venture e collegate, prevalentemente in Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia ed è attivo nella distribuzione e vendita di gas naturale e di gpl, nella vendita di energia elettrica, nonché nelle telecomunicazioni, nella progettazione e gestione di servizi energetici e nella produzione di energia da fonti rinnovabili.

AzzeroCO2 da vent’anni il clima nelle nostre mani. Società di consulenza per la sostenibilità e l’energia fondata nel 2004 da Legambiente e Kyoto Club che offre soluzioni personalizzate ad enti pubblici, aziende e privati per ridurre il proprio impatto ambientale sul territorio adottando un approccio resiliente e scientifico per ottenere risultati credibili e comunicarli in modo efficace. In collaborazione con i propri soci, realizza iniziative su scala nazionale e locale per promuovere la sostenibilità, le fonti rinnovabili e la responsabilità sociale d’impresa.